domenica 4 ottobre 2015

A quel gentil segnor che m’addimanda


Quesito


Caro Duca, Lippo e Duca. TI scrivo perchè so appena stato a vede' co' Giovanna e Warter er morto acclamato Gabinetto der dotto' Caligari. Sai, quer film novo de Johnny Palomba che je l'ha prodotto 'n memoria der bonanima de - come se chiama? - Sergio Sollima. Che pero' te devo di' m'è parso 'n po' 'n mischione de treinspotting a Ostia e i ragazzi d'o zo de Berlino a Centocelle. Bello ppe carità, ma me pare che cce manca er quid, o specifico filmico. A Warter, pero', j'è piaciuto molto. Gajardo, ha detto: se c'era ancora 'er VHS j'o mettevo n'tre puntate allegato all'Unità. Allora, 'n'sostanza, so i' primi anni novanta: anni de Canaro (ma no quelli d'o scrittore nazzista, quelli der sardo d'a Magliana) e corse con l'Alfa 33 e a cocaina a rota. E ce so questi che so amici ma se drogano e se menano. Anzi se menano proprio n'sacco e c'è n'sacco de neon. E c'è fregna. E se menano e se drogheno ancora pe esse piu' amici. Bello si', ma, purtroppo 'aa fine nun c'hanno messo er pezzo forte che j'aveva suggerito Warter, pare: n'epica scena alla ben hur co' 'o scontro tra no straordinario Toni Servillo ner ruolo dell'immigrazione der basso Lazio e Margaret Mazzantini che faceva er cadavere de Pasolini resuscitato. Warter mi ha chiesto de chiederte che ne pensi e pure quanno vieniar MAXXI che ce facemo na serata co tutti i suo'i di lui propri VHS de Italia - Germania tre a uno.


Angelo




Risposta

A quel gentil segnor che m’addimanda
che penso di quel film in bianchennero
indov’a ‘n certo punto c’è na panda
che va veloce nel buio sentiero,
poi c’è ‘n fossetto e quella non ti sbanda?
E trase ben diretta al cemetiero,
ma nonostante tutto stanno bene,
coi scleretri fan cose che sconviene
.
Poi ‘n certo punto, vedi che succede!,
che, mentre sti du slippano di brutto,
si sente ‘n suono roco e non si vede,
che quella dice, fa: “ch’hai fatt’un rutto?”
l’altro risponde “tu così mi lede,
ché per mi farte m’ho mangiato asciutto”.
Allor ‘sti vanno nell’agitazione
e nello scur si ve’ pur un alone.


Lui surge tutto quanto cavaliere
che non gli frega manco della patta
che gli si scorge tutto ‘l belvedere.
Fa ‘l figo, vede ch’è solo una gatta,
ma die’ ci so’ du speci d’aloe vere
che zitte zitte al pacco gli sgratta
e lì ci indugia tanto ch’è ‘n macello
e a me mi par ‘ver vist’anche ‘l pisello.


Allora quello prende e more rotto
e la zita fugge terrorizzata
e lì mi parve essèrci ‘n po’ di Giotto
nei bei rotondi sotto alla stracciata
canotta altilenante con il trotto.
E arriva a questa chiesa sconsacrata,
chiude la porta, assìsasi ch’è stanca,
ma giusto giusto si ci apre la panca.


E proprio qui - a mi’ molesto parere -
c’è ‘na scena ch’ha da star negli annali:
le mille bratte che parono vere
forescon da ste cavità abissali
e questa, che gli fa schifo a vedere,
ci dà le mani avanti a sti animali,
ma quelli che c’hanno la fame cieca
si smangiano le mani e poi l’acceca.


S’intuisce che sta poraccia more
ché ‘l regista ci va di dissolvenza.
Or è giorno e ci so’ certe due more
che stan nude in un bel piano sequenza
che non vi di’ di più per il pudore,
ma, in sintesi, son donne d’esperienza.
Fann’all’amor col fi’ di quelli là,
ch’altri non è, se non Jerry Calà.


E poi tutta ‘na serie di poltiglia:
che Jerry era cresciuto abbandonato
e, per dimenticarsi la famiglia
al brefotrofio ov’era allogïato,
si spartiva tra piànola e bottiglia,
ch’avèvaci‘l pathema del dannato.
Ma ben si ve’ che cresce e si rinnove
che par un mar che sprùzzia a forza nove.


Diventa tanto ricco ch’ove tocchi
tutto diventa d’oro e caca soldi
e c’ha per bodygarde sir Quattrocchi,
interpretato da Massimo Boldi,
che lui gli fa quella dei controfiocchi
ma quello gli risponde sempre “soldi”
con la mano all’orecchio e gli occhi lesi
per l’altra gag dei “sordi dei cinesi”.


In somma poi ci sono cose strane
ch’uno a uno ci muoiono gli amici,
ed è in particolar da batti-mane
la scena di Quattrocchi sulla bici
che vedendosi le vie di fughe vane
si gira ai mostri, sicuro gli dici
“Fo veder i’ com’ muore un italino”,
si fionda a seder, ma fa “aya ‘l sellino”.


Poi c’è ‘l protagonista sul traghetto
che suoana ‘l pianobar per la Caronte
e qui, cioè, stai ‘ltremodo sospetto,
ch’è il nome di quel là dell’Acheronte:
mi me’ la man avante, ché l’ho detto,
c’è tutta una pulp strage su quel ponte.
Jerry sel scampa con un po’ d’acredine
guarda in camera e sospira “libidine”.


Comunque al fin Calà affronta ‘l Demonio
ch’è tutto ‘n viola marrò e lava calda
coi fulminelli intinti in pinzimonio,
c’è ‘na gran lotta che scruenta e sfalda,
ma Jerry vince e c’è bel matrimonio
coi titoli di coda in co’ Smeralda.
Orben, caro segnor, torno al quesito
per me sto film ha ‘l titol d’esquisito.


Vita smeriglia